FANDOM


La guerra civile è un'opinione ("The Red Badge of Gayness" in lingua originale) è il quattordicesimo episodio della terza stagione di South Park. È andato in onda per la prima volta negli USA il 24 novembre 1999 e in Italia il 16 aprile 2002.

Trama Modifica

Allarme Spoiler!
Spoiler


Questa pagina contiene spoiler sulla serie.

Stan, Kyle, Cartman e Kenny sono alla fermata dell'autobus e stanno facendo pratica per la banda nella ricostruzione storica della guerra civile. Cartman fa casino con il tamburo fino a quando Stan e Kyle gli dicono che non può più far parte della banda. In risposta, Cartman rompe il tamburo e se ne va.

Durante la rievocazione della battaglia di Tamarack Hill, Cartman si presenta vestito come il generale confederato Robert E. Lee. Egli scommette con Stan e Kyle che quest'anno il Sud vincerà la guerra. In caso di vittoria, Stan e Kyle saranno schiavi di Eric per un anno. In caso di sconfitta, Cartman sarà il loro schiavo per un anno. Sicuri della loro vittoria, dato che si tratta di una ricostruzione storica e la guerra è stata originariamente vinta dal Nord, i ragazzi accettano.

Più tardi, Cartman dice a Jimbo che il Sud dovrebbe vincere, in modo che coloro che interpretano i sudisti ogni anno non vengano presi in giro dagli altri per la loro sconfitta. Essendo tutti ubriachi a causa dello sponsor della rievocazione, la Schnapps Sì-Ancora, tutti gli uomini accettano la proposta di Cartman.

Dopo che il Sud ha vinto la rievocazione, coloro che interpretavano l'Unione, anch'essi ubriachi di Schnapps Sì-Ancora, decidono di unirsi ai confederati e di marciare su Topeka ed oltre.

Dopo essere usciti da South Park, essi conquistano sempre più aree e crescono di numero, saccheggiando le città alla ricerca di Schnapps Sì-Ancora per continuare a bere. Kenny viene accidentalmente ucciso e Cartman avverte sua madre per lettera.

Stan, Kyle e nonno Marsh si rendono conto che devono fermare Cartman e il suo gruppo, o rovineranno la storia. Essi credono che tutti gli uomini, una volta passata la sbronza, torneranno a casa, così decidono di rubare tutta la Schnapps Sì-Ancora dal loro campo. Quando gli uomini si rendono conto di quello che stanno facendo, dopo che la loro sbronza è passata, decidono di tornare a South Park. Però, Cartman chiama la Schnapps Sì-Ancora, facendo recapitare sul campo dei camion pieni di quella bevanda ed una ragazza immagine che versa loro da bere. Dopo una breve esitazione, tutti ricominciano a bere, ubriacandosi di nuovo.

Il gruppo arriva a Washington D.C., riuscendo a convincere il Presidente Clinton ad arrendersi al Sud. Poco prima che il Presidente firmi la resa, Stan e Kyle si presentano alla Casa Bianca interpretando Jefferson Davis e Abraham Lincoln, riuscendo a porre fine alla "guerra" facendo arrendere il Sud. Gli uomini rispettano questo atto e tornano tutti a South Park. Stan e Kyle dicono quindi a Cartman che lui dovrà essere il loro schiavo per un anno, ma Eric obietta, dicendo loro che ora che il Sud si è arreso, la schiavitù è stata abolita. Il Presidente Clinton conferma l'affermazione di Cartman, e Stan e Kyle insultano Clinton mentre se ne vanno.

La morte di Kenny Modifica

Kenny viene bruciato a morte da un razzo di avvertimento della guardia nazionale degli Stati Uniti. Marvin Marsh grida "Brutti bastardi!" al posto di Kyle, e Kyle gli risponde infastidito con "Hey!".

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.