FANDOM


L'avarizia del pellerossa ("Red Man's Greed" in lingua originale) è il settimo episodio della settima stagione di South Park. È andato in onda per la prima volta negli USA il 30 aprile 2003.

Trama Modifica

Allarme Spoiler!
Spoiler


Questa pagina contiene spoiler sulla serie.

I ragazzi e i loro genitori si recano in un casinò di proprietà di nativi americani. Gli adulti spediscono i figli ad un noioso spettacolo di cabaret, mentre essi si divertono a giocare d'azzardo. Gerald finisce per perdere la casa scommettendo a blackjack. Presto, si scopre che Gerald non è l'unico, ma l'intera città è stata comprata dai nativi americani, i quali hanno intenzione di distruggerla per far spazio ad una superstrada che collegherà il loro casinò a Denver. Tutti gli abitanti di South Park sono quindi costretti ad abbandonare le proprie case e non hanno modo di riacquistare la loro città.

I ragazzi si incontrano con altri bambini per farsi avere un'idea. Un ragazzo "nuovo" mai visto prima, di nome Alex, sottolinea che dovranno salvare la città. Così, i ragazzi consigliano ai loro genitori di prendere tutti i soldi che hanno e di giocarli al casinò. Se vinceranno un giro di roulette scommettendo 10.000 dollari su un singolo numero, avranno abbastanza soldi per riacquistare la città, oltre a un resto di 50.000 dollari. Sorprendentemente, riescono a vincere, ma gli adulti vogliono vincere di più e puntano nuovamente la loro vincita, finendo per perdere tutto e facendo arrabbiare i ragazzi.

Quando vendono le loro case, Stan, Kyle, Cartman e Kenny cercano di convincere gli adulti a difendere la propria città, sostenuti da Alex. Inizialmente, gli adulti decidono di trasferirsi a Middle Park, ma i ragazzi fanno presente che i nativi americani verranno a prendersi anche quella città. Così, i ragazzi corrono fuori per affrontare i bulldozer dei nativi americani, mettendosi in mezzo alla strada e bloccando il loro percorso. Vedendo il coraggio dei ragazzi, ben presto tutti i cittadini si uniscono a loro nel bloccare la strada, mentre Alex si rallegra. Il titolare del casinò, Capo Piede Veloce, pensa ad un nuovo modo per liberarsi dei cittadini.

Dato che gli abitanti di South Park si sono accampati in strada da diversi giorni per difendere la propria città, Capo Piede Veloce decide di donare loro delle coperte, le quali però vengono infettate con la SARS, usando uomini cinesi nudi e facendoli entrare in contatto con le coperte. Così, tutta la città si ammala, ad eccezione di Stan. Allo stesso tempo, anche il figlio del titolare del casinò, Ali di Gazzella, si ammala di SARS e nessuna delle erbe medicali usate dai nativi americani è in grado di curarlo.

Nel frattempo, Stan visita un vecchio saggio che abita in una roulotte in un'altra città, che gli fa fare un "viaggio interiore" provocato sniffando del diluente per vernice. Stan scopre che gli uomini bianchi di ceto medio, per curare la SARS, usano zuppa di spaghetti di pollo di Campbell, DayQuil e Sprite. In men che non si dica, gli abitanti di South Park si riprendono.

Capo Piede Veloce è stupito dal fatto che i cittadini siano riusciti a guarire, così li prega di aiutarlo a curare suo figlio, offrendo in cambio la restituzione della città. Tutto si risolve e Alex spiega che South Park è più di una semplice città, ma è una comunità di persone. Stan finalmente gli chiede chi sia e il ragazzo risponde di chiamarsi Alex. Kyle gli dice di andarsene e Alex esce di scena, salutando il pubblico e la sua famiglia.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.