FANDOM


Bagno caldo per due ("Two Guys Naked in a Hot Tub" in lingua originale) è l'ottavo episodio della terza stagione di South Park. È andato in onda per la prima volta negli USA il 21 luglio 1999 e in Italia il 26 febbraio 2002.

Trama Modifica

Allarme Spoiler!
Spoiler


Questa pagina contiene spoiler sulla serie.

Stan si lamenta di dover andare alla festa per la pioggia di meteoriti a casa del Signor Mackey con i suoi genitori. All'arrivo, viene portato nel seminterrato con gli altri bambini: Pip, Butters e Dougie. La porta viene chiusa a chiave e Stan non può fuggire, vedendosi costretto a stare in compagnia dei suoi compagni "sfigati".

Di sopra, il Signor Mackey mostra a Randy, Sharon, Gerald e Sheila la sua nuova vasca idromassaggio appena installata. Sharon e Sheila, non avendo nulla da mettersi, decidono di non entrare, mentre Randy e Gerald si buttano subito dentro, nudi.

Nel seminterrato, Stan si rifiuta di partecipare ai giochi degli altri bambini. Essi trovano una scatola contenente dei vestiti da donna e decidono così di giocare alle Charlie's Angels. Hanno però bisogno di qualcuno che assegni loro una missione, così decidono che Stan avrà il ruolo di Bosley. Così, Stan ordina ai ragazzi di trovare una via d'uscita dal seminterrato, in quanto la porta è chiusa a chiave dall'esterno. I ragazzi trovano una via di fuga attraverso un condotto dell'aria.

Nella vasca idromassaggio, Randy e Gerald concordano sul fatto che la serata sarà dedicata alla sperimentazione. Randy chiede a Gerald se ha mai avuto una fantasia omosessuale, e l'uomo risponde che forse gli sarebbe piaciuto masturbarsi davanti ad un altro uomo. Così, la fantasia diventa realtà.

Nel frattempo, Stan e gli altri arrivano di sopra, trovano dei biscotti e una TV in camera del Signor Mackey.

All'esterno della casa, una squadra dell'ATF ha circondato l'abitazione del Signor Mackey, essendo convinti che la festa sia un raduno di fanatici religiosi che stanno per attuare un suicidio di massa.

Stan accende la TV e scopre che l'ATF è radunata all'esterno della casa. I ragazzi si accingono così a svolgere la loro più grande missione: fermare l'ATF e provare che si tratta di una normalissima festa.

Al piano di sotto, Randy diventa paranoico per quello che lui e Gerald hanno fatto: ovunque lui vada, crede che tutti ne stiano parlando e lo stiano giudicando gay. Gerald sembra, al contrario, molto più sereno al riguardo. Randy perde la pazienza e finisce per urlare quello che i due hanno fatto. Però, scopre poi che ogni uomo nella casa ha fatto la stessa cosa, quindi Randy si tranquillizza e torna a comportarsi normalmente con Gerald.

Butters prova ad avvertire gli adulti della situazione con l'ATF, ma sono tutti troppo ubriachi per notarlo. Così i ragazzi registrano un finto notiziario su un nastro da consegnare ai giornalisti all'esterno, ma non possono uscire dalla porta principale, perché gli agenti sparano a vista a chiunque metta piede fuori. Così, Pip usa la sua abilità di tiro con l'arco per colpire la testa dell'Agente Barbrady con uno sturalavandini al quale hanno attaccato una corda, e Butters scivola su di essa dalla finestra, consegnando la videocassetta.

L'ATF intanto ha provato di tutto per far uscire la gente dalla casa, senza successo. Decidono così di usare un lanciamissili per distruggere la casa, ma vengono fermati dal giornalista, il quale ha visto il video dei ragazzi, che spiega agli agenti che si tratta solamente di una normalissima festa.

Accidentalmente, l'ATF lancia il missile, mancando la casa del Signor Mackey, ma distruggendone altre tre. Il capo dell'ATF spiega ai suoi agenti che si trattava di una simulazione, e tutti se ne vanno.

Stan afferma che non dovrebbe prendere in giro gli altri bambini solo perché sono strani e pensa che tutto sommato siano ragazzi a posto. Improvvisamente, Kyle si presenta, insieme a suo fratello Ike, e i tre entrano in casa deridendo di nuovo Pip, Butters e Dougie, mentre Kyle racconta all'amico di come ha passato la sua serata al campeggio ebraico.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.