FANDOM


Asilo ("Pre-School" in lingua originale) è il decimo episodio dell'ottava stagione di South Park. È andato in onda per la prima volta negli USA il 10 novembre 2004.

Trama Modifica

Allarme Spoiler!
Spoiler


Questa pagina contiene spoiler sulla serie.

Stan, in preda al panico, comunica ai ragazzi che Trent Boyett, un compagno di classe che avevano all'asilo, è appena stato rilasciato dal riformatorio. I ragazzi si preoccupano e iniziano ad escogitare un piano per difendersi dalla rabbia di Trent.

I ragazzi ricordano l'incidente avvenuto ai tempi dell'asilo. Nel loro flashback, vediamo i quattro che vogliono giocare ai pompieri, con l'idea di dar fuoco a qualcosa per poi spegnere le fiamme. Hanno solo bisogno di qualcuno che appicchi un fuoco, quindi chiedono a Trent Boyett, il bullo più cattivo dell'asilo, che decide di accendere il fuoco. Butters dice ai ragazzi di fare attenzione, ma viene ignorato. I ragazzi urinano sul fuoco per spegnerlo, ma non funziona e l'incendio inizia ad espandersi, andando fuori controllo. Quando la loro insegnante, la Signorina Claridge, cerca di spegnerlo, viene inghiottita dalle fiamme. I ragazzi corrono verso di lei e le urinano addosso nel tentativo di spegnere il fuoco, senza successo. Poco dopo, arriva la polizia e, invece di confessare che si è trattato di un incidente (per evitare di essere messi in castigo), i ragazzi usano Trent come capro espiatorio, mentendo e dicendo di non essere coinvolti. Quando Trent chiede a Butters di testimoniare in suo favore, il bambino si rifiuta di parlare in sua difesa, in quanto teme di poter venire coinvolto. Così, Trent viene condannato a cinque anni di riformatorio e i ragazzi si dimenticano dell'incidente fino ai giorni odierni, cinque anni dopo.

La Signorina Claridge ha avuto ustioni talmente gravi da essere confinata per sempre in una specie di poltroncina di ferro / carrozzina motorizzata, e può comunicare solamente attraverso un segnale acustico elettronico: un "bip" per il "" e due per il "no".

Dopo aver saputo del rilascio di Trent, Butters è disperato e ha intenzione di nascondersi nella sua stanza a tempo indeterminato. I suoi genitori però lo costringono ad uscire di casa a giocare, chiudendolo fuori. In quel momento, Trent Boyett arriva e trova Butters, offrendogli un vantaggio di cinque secondi per scappare. Il ragazzo tenta di convincere Trent a non picchiarlo, sprecando due secondi, ma poi inizia a scappare quando capisce che Trent è irremovibile. Quando Butters viene catturato, Trent lo tortura in stile bullo, facendo ricoverare Butters in ospedale. Nel frattempo, la sedia alla rotelle motorizzata della Signorina Claridge si scarica la batteria su un passaggio pedonale proprio in mezzo alla strada. Dal momento che la batteria scarica non permette alla donna di utilizzare i "bip" per comunicare, i cittadini di South Park ritengono che si sia offesa per qualche motivo.

Per evitare che Trent faccia loro ciò che ha fatto a Butters, i ragazzi cercano aiuto da quelli delle medie. Quando arrivano al loro punto di ritrovo, quelli delle medie affermano che li difenderanno solo in cambio di una foto del seno di Sharon Marsh. Stan, riluttante a chiedere una foto del genere a sua madre, nonostante i tentativi di Cartman di insegnargli come negoziare con la propria mamma, scatta invece una foto delle chiappe di Cartman sulle quali i ragazzi hanno disegnato dei capezzoli. I ragazzi delle medie ci cascano, credendo che quello sia il seno più bello mai visto, e accettano di aiutare i protagonisti.

Tuttavia, quando i ragazzi delle medie dicono a Trent di lasciare in pace i ragazzi, Trent li tortura tutti duramente con i suoi metodi da bullo. Ora, Trent è ancora più arrabbiato perché sa che i ragazzi hanno usato quelli delle medie per sconfiggerlo. Non avendo nessun altro a cui chiedere protezione, i ragazzi decidono di malavoglia di rivolgersi a Shelley, la sorella di Stan. La ragazza accetta, a condizione che i protagonisti confessino quello che hanno fatto durante l'asilo alla Signorina Claridge, e anche perché vuole essere l'unica a voler uccidere Stan.

Successivamente, i ragazzi incontrano la Signorina Claridge, che è ancora bloccata in mezzo alla strada, e tentano di scusarsi con lei. In quel momento però, Trent arriva per portare a termine i suoi affari con i protagonisti. Essi provano a parlare con lui, senza successo, menzionando le cose che si è perso durante il suo periodo in riformatorio. Ancora una volta, invece di prendere la via più facile e confessare, Cartman usa il taser di sua madre per sparare a Trent, ma manca il bersaglio e colpisce invece la Claridge. La forte scossa elettrica ricarica la sua sedia a rotelle a tal punto da renderla ingovernabile. La carrozzina gira sul posto e va a schiantarsi contro la vetrina di un negozio di propano, causando un'esplosione che distrugge il negozio e incendia la Claridge. Ancora una volta in fiamme, la Claridge si schianta contro un idrante, che spegne il fuoco.

All'arrivo della polizia, la quale è al corrente dei precedenti di Trent verso la Signorina Claridge, gli agenti pensano che Trent volesse finire quello che aveva iniziato. Trent cerca di negare il fatto, ma i ragazzi lo definiscono un bugiardo. Un agente chiede alla Claridge se il colpevole di quanto accaduto fosse Trent, e la donna risponde "no" con due "bip". L'agente di polizia fraintende, credendo che la donna abbia detto "sì, sì" e arresta nuovamente Trent. I ragazzi si salvano di nuovo e sono sollevati dal fatto che non dovranno più preoccuparsi di Trent almeno per altri cinque anni.

Cartman va da Trent per farsi beffe di lui. Tuttavia, ha ancora disegnati i capezzoli sulle chiappe e, proprio mentre mostra il sedere a Trent, arrivano i ragazzi feriti delle medie e vedono la scena. Cartman pensa di essere nei guai, dato che quelli delle medie potrebbero aver capito di essere stati ingannati. Tuttavia, i ragazzi delle medie ci cascano ancora una volta e dicono che quelle sono le tette più belle mai viste, prendono Cartman e lo portano nei cespugli, in modo simile a come hanno fatto per la foto della "mamma di Stan".

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.